Ugo La Pietra

Svelare il rapporto fra uomo e ambiente è alla base dell’indagine artistica di Ugo La Pietra, che conduce dal 1962 elaborando modelli di comprensione che rivoluzionano la fruizione dell’opera d’arte da parte dello spettatore. Ugo La Pietra partecipa e promuove diverse correnti artistiche: arte segnica, arte concettuale, arte ambientale, narrative art, cinema d’artista, nuova scrittura, extra media, neo-eccletismo, architettura radicale. Artista e critico vanta un’intensa attività didattica ed editoriale. Si è fatto promotore di gruppi di ricerca (Gruppo del Cenobio, Gruppo della lepre lunare, Global Tools, Cooperativa Maroncelli, Fabbrica di Comunicazione, Libero Laboratorio) e di attività espositive coinvolgendo un grandissimo numero di attori (artisti, architetti, designer). Il lavoro di La Pietra si muove verso il recupero della manualità e dell’artigianalità, al fine di superare la produzione industriale e la serialità. Prototipi e pezzi unici compongono così un’importante ricerca che volta le spalle all’inganno della produzione standardizzata e stereotipata. Un artista che si dichiara contro la globalizzazione, annullatrice di molteplicità, attraverso un lavoro mirato ad approfondire l’identità e la diversità dei territori.